Il magazine

Una storia di follia. E successo

Articolo Frisson n.10 - La Valigia Rossa

Condividi su

CONTENUTO SPONSORIZZATO

“Buongiorno, sono Cristina Luzzi, la direttrice de La Valigia Rossa”. 

Mento abbassato e occhi fissi su di me, arriva la replica: “Lei è quella che ha fondato La Valigia Rossa?”. “Confermo, sono quella pazza che ha inventato tutto questo”.

Fino a quattro o cinque anni fa, ogni volta che mi presentavo, era questa la prassi. Chiunque mi trovassi di fronte: giornalista, contatto di lavoro, medico, aspirante consulente. Che però, dopo aver ammesso la mia (ai suoi occhi) follia, sorrideva e si apriva al dialogo.

Fin dove la follia è follia e fin dove è ingegno? Fino a dove l’ingegno è ingegno e dove diventa follia? Quando temiamo la follia in quanto tale e quando ne siamo affascinat* perché geniale? Forse perchè a volte rappresenta quello che vorremmo fare e non facciamo?

Non ho una risposta. So che il progetto La Valigia Rossa è impregnato di follia. E di quella testardaggine tipica della follia, nel bene e nel male.

Ho cominciato in sordina, nel 2010, ma ne sono rimasta affascinata fin da subito. Due gli estremi che sono emersi fin dal primo momento: il successo ma anche, a volte, l’ostilità. 

Puoi leggere questo articolo su

Forse può interessarti

Articolo Frisson n.12 - Dio e (è) donna
Frisson n.12

Dio e (è) donna

Come femminismo e religione cattolica possono convivere alla luce dell’intersezionalità. E perché non è ancora successo

Leggi di più