Frisson n.14: Il personale è geografico

copertina di frisson n.14

In Italia il maggior numero di coppie dello stesso sesso unite civilmente si trova al nord – è il 61,2% del totale, secondo l’Istat – con una buona prevalenza a Milano. Infatti secondo i dati relativi al 2020 e 2021 le coppie omosessuali sposate che risiedono al sud o nelle isole sono poco meno del 12%.

Non è solo un fatto numerico, questi dati ci raccontano che esiste una spaccatura nel nostro paese che passa da nord a  sud, dalle grandi città alle province. 

Ma questa disparità parte da lontano e oggi non possiamo che osservarne le amare conseguenze.

Nel territorio nazionale c’è forse la stessa diffusione di presidi culturali, di luoghi aperti alla comunità LGBTQIA+, di eventi (pubblici o iniziative private) sulle questioni di genere? Lo stesso livello di educazione sessuale nelle scuole, di medici obiettori o di centri antiviolenza?

La questione territoriale è dunque un tema centrale nel dibattito transfemminista e non si può davvero parlare di intersezionalità senza tenerla presente.

Frisson n.14 vuole indagare questo tema partendo dall’analisi dei territori femministi, da nord a sud dell’Italia e del mondo.

Gli articoli di Frisson n.14

editoriale territori femministi, un gruppo di ragazze di etnie diverse guarda fisso in camera

Questione di territori (femministi)

La questione territoriale è un tema centrale nel dibattito femminista e parlare di intersezionalità significa anche affrontare questo tema

International Day for the Elimination of Violence against Women 2019 march in Mexico City in front of Palacio Bellas Artes. "Ni una mas!"

Messico, in bilico tra violenza e riscatto

La rivoluzione femminista in Messico è la risposta alle violenze, ai sequestri e ai numerosi femminicidi. La lotta serrata e compatta assume diverse forme: dalle manifestazioni in piazza alle performance artistiche

collage con donna cilena che indossa una bandana e sulle braccia ha scritto no + femicidios. sullo sfondo la bandiera del cile

Cile: il femminismo attraversa le strade

Ecco come l’intersezionalità delle lotte femministe sta cambiando un paese dal passato travagliato e dal presente ancora difficile. Qui il cambiamento è donna, ma anche gli uomini decostruiscono. Mentre la Nuova Costituzione, che doveva essere la più progressista e femminista del mondo (almeno per il momento) non ce l’ha fatta.

illustrazione di una bussola con i colori della bandiera LGBTQIA+

Il personale è geografico

Vita da queer e femminista in periferia: la questione territoriale troppo spesso esclusa o sottovalutata

illustrazione di una matrioska che si apre

Insieme siamo partite, insieme torneremo?

La marea transfemminista di Non una di meno che ha travolto l’Italia: storia e prospettive di un collettivo che si è radicato negli anni nelle grandi città ma anche nelle piccole province